• Tempo Libero

    Offline: dicono che sia un lusso, io credo sia una necessità.

    Mi capita spesso di sentire il bisogno di essere offline.

    Non sono mai stata una mamma appiccicata al mondo social, posto solo quando ho voglia e interagisco con i profili che voglio, quando voglio.

    E’ abbastanza raro che mi troviate quotidianamente online e i famosi algoritmi, giustamente, bacchettano la mia crescita.

    Ho nostalgia della lettura dei miei blog preferiti, quella lettura richiedeva un pò più di tempo e diversi ormai sono spariti.

    Come mai, senza nemmeno rendercene conto, abbiamo trasformato una foto con didascalia in un post di un vecchio blog? Oggi è più semplice e veloce scorrere immagini e cliccare cuoricini ad cazzum.

    Certo, è più semplice e più rapido, ma io dopo un pò sento la necessità improvvisa di ritrovarmi offline, e non perché sia un lusso, ma perché sento il bisogno di scansarmi dal bombardamento di #adv #sponsored #perfectlife #echipiùnehapiùnemetta.

    A volte, ho bisogno di ritrovare il mio tempo

    E allora mi fermo e mi vedo, con la mia vita imperfetta.

    Esco da un divorzio che per esempio mi ha messo di fronte a decisioni piuttosto complicate. Lavoro con partita iva, ho due figlie di 6 e 8 anni da crescere, devo gestire le loro emozioni e rispondere alle loro domande, se voglio andare in campeggio con loro devo chiedere il camper in prestito ai miei genitori e imparare a guidarlo (- nota da aggiungere alle cose che impari a fare una volta che divorzi -), ho degli amici che voglio vivere e una vita tutta mia da continuare a coltivare.

    Mi servirebbero giornate di 48 ore per riuscire a fare tutto senza pressione e con una relativa calma.

    Questa ultima settimana mi sono goduta le giornate al mare con le mie bambine, spesso ho dimenticato il telefono in camper e quelle volte che l’ho portato con me l’ho utilizzato per comunicare con amici e familiari.

    Non ho mai messo un filo di trucco, ho letto divorato un libro, ho fatto perfino qualche siesta pomeridiana mentre le bimbe scorrazzavano felici e in piena autonomia all’interno del campeggio.

    bubbles before bed offline in tenuta estiva senza pretese

    Ho staccato un pò da tutto e tutti, ho respirato iodio e mi sono resa conto che la mia vita imperfetta, quella che vi mostro su Instagram e vi racconto qui, alla fine per me è perfetta così, anche se sono offline e nessuno sa cosa sto facendo.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    2 comments
    Offline: dicono che sia un lusso, io credo sia una necessità.

    • Floriana ha detto:

      Ben detto cara! Non ci conosciamo ma mi hai letto perfettamente nel pensiero. Grazie per aver scritto queste parole perché mi rispecchiano al 100%.
      Basta bombardamenti da social. Basta venire triturati da algoritmi.
      Un bacio
      Floriana – HyggeLab.it

      • lucia ha detto:

        Diciamo che a volte è necessario saper scegliere,
        per esempio ti ho risposto in ritardo perché mi sono goduta le mie montagne!